Antica Locanda il Pilota

La storia

Albergo, ristorante, la storia

Dal 1923 antica locanda "Il Pilota", albergo, bar, ristorante, sull'acqua.

Lo storico locale nacque nel 1923 quando Luigi Giovanni Eolo Germi,da tutti conosciuto come "il pilota",per la sua professione di guida del fiume Magra, comprò una casa e rilevò una trattoria che si chiamava "Miramare" ma che più giustamente avrebbe dovuto chiamarsi "Mirafiume".
Questa fu una delle prime unità abitative del paese di Fiumaretta e l'unica struttura recettiva su quella sponda del fiume Magra. 

Visita anche: http://www.albergoristoranteilpilota.it/

Ospiti prestigiosi

Tempo libero

Una scultura in bronzo davanti all'ingresso dell'albergo testimonia il tempo in cui Il Pilota fu letteralmente preso d'assalto dagli intellettuali italiani e non solo come Giulio Einaudi, Elio Vittorini, Vittorio Sereni, Franco Fortini, Cesare Pavese, Giovanni Giudici, Giancarlo De Carlo, Italo Calvino, Mery Mc.Carty, Dennis Mascolo, Marguerite Duras. Durante l'estate questi illustri personaggi erano soliti incontrarsi a Fiumaretta, a quel tempo selvaggia e ancora lontana dal turismo di massa degli anni seguenti,per godere dell'ospitalità della famiglia Germi e gustare i semplici ma saporiti piatti della cucina locale.

Solitamente dopo aver ben mangiato e ancor meglio bevuto, seduti al fresco della terrazza passavano ore a chiaccherare amichevolmente ma anche a discutere animatamente dei loro lavori e dei loro progetti.

Le serate di un tempo

La serata proseguiva poi sull'adiacente terrazza dove si ballava sulle note di un'orchestrina,per poi finire magari con un tuffo a Punta Bianca. Il celebre romanzo "Il marinaio di Gibilterra" scritto da Marguerite Duras è ambientato proprio in questo luogo e narra di quel vissuto: "....ci accolse un vecchio,ci disse come si chiamava:Eolo-Come il vento?Chiesi-Come il vento rispose-Parlava francese.... ".
Tutto qui è rimasto come allora o quasi e questo lo fa essere un posto unico e speciale.
La famiglia Germi continua a gestire lo storico locale con i suoi eredi ,cercando di preservare quel momento storico pur continuando ad apportare migliorie per il comfort dei suoi ospiti.

Share by: